Cosa sto facendo

La calda estate ispicese, costata 200 mila euro

Ispica – Tagli ai servizi, sacrifici per i cittadini ispicesi, bilancio preventivo approvato il 30 agosto, tariffe in aumento per chi vuole fare sport.

E 200 mila euro spesi per spettacoli e manifestazione estive, molti dei quali senza un effettivo ritorno economico per la città e il suo tessuto commerciale.

E’ Paolo Monaca, consigliere comunale del Pid di Ispica, a rendere noti i “conti dell’estate”.

“Gli spettacoli sono costati in totale 206 mila euro, cui, a voler essere pignoli, bisogna detrarre i 22 mila euro assegnati dall’assessorato all’Identità Culturale della Regione Siciliana, per un ammontare di 22 mila euro. Il Comune, di suo, ha speso 184 mila euro.

Convenzioni del Comune di Ispica con privati, il Pid indaga

Sabato 2 Luglio 2011 alle ore 19,00 l’assemblea dei “Popolari di Italia Domani” ha determinato di avviare un percorso inteso a eliminare gli eventuali sprechi di risorse finanziarie pubbliche a partire dal controllo su tutte le convenzioni in atto tra il Comune e organismi di gestione a vario titolo.

 All’assemblea era presente il consigliere comunale Paolo Monaca al quale è stato dato mandato specifico di presentare le prime interpellanze e interrogazioni in merito alle convenzioni agli atti di convenzioni Rep. numero 663 del 23/02/2010 e 676 del 01/04/2010 – rispettivamente per l’affidamento in gestione del progetto “Cultura, Arte e Sapori” e per l’affidamento in gestione dell’impianto sportivo, ricreativo denominato “A. Brancati” – al fine di accertare la ricorrenza di tute le condizioni previste dalla normativa vigente in materia generale, nonché di quelle particolari di cui alle convenzioni citate ed intraprendere iniziative atte ad eliminare di concerto con l’Amministrazione, sprechi di risorse finanziare pubbliche derivanti da eventuali inadempienze accertate.